Blog

Home  /  Lavoro   /  Lavori passati   /  Un’azienda con chiari obiettivi e strategie

Un’azienda con chiari obiettivi e strategie

Per chi non ha una conoscenza approfondita del mondo del lavoro e delle aziende, forse questo capitolo potrà sembrare un po’ pesante e impegnativo. Ho volutamente deciso di soffermarmi sulla visione, sugli obiettivi e sulle filosofie di una multinazionale americana, in quanto esprimono in modo molto chiaro ed efficace delle linee guida alle quali, con i dovuti correttivi in base al contesto in cui si trova, ogni dipendente dovrebbe poter fare riferimento.

Con questo intendo dire che ogni azienda, grande o piccola che sia, dovrebbe avere dei chiari obiettivi e delle linee guida generali, in un certo senso un proprio codice di comportamento, del quale rendere poi consci e partecipi i propri dipendenti affinché rispecchino nei loro comportamenti quotidiani le filosofie dell’azienda per cui lavorano.

In tutta la mia carriera non ho mai ritrovato in nessuna azienda nulla di tutto ciò, tutto viene lasciato al caso e alla libera interpretazione degli individui, esponendo l’azienda stessa a due grandi rischi:

  1. Ogni dipendente ha una sua visione soggettiva delle cose, di come è giusto farle, gestirle e di quali metodi vanno utilizzati per arrivare agli obiettivi finali, se questi ci sono e se sono sufficientemente chiari. Questo fa sì che l’azienda corra il rischio di operare in modo molto diversificato, in funzione delle singole persone coinvolte nelle singole attività.
  2. Anche nel caso di una direzione chiara e corretta, intrapresa dal singolo dipendente, nel caso di sue dimissioni o abbandono dell’azienda il suo successore potrà valutare in piena autonomia e soggettività personale se proseguire nella direzione del suo predecessore o decidere di cambiare radicalmente strada, esponendo così l’azienda a continui cambi di direzione e orientamento anche nei casi in cui le cose venivano già fatte nel modo corretto.

 

———- o ———-

 

Noi intendiamo fornire quei prodotti di superiore qualità e valore che meglio soddisfano le necessità dei consumatori di tutto il mondo. Noi vogliamo raggiungere questo obiettivo per mezzo di una organizzazione e di un ambiente di lavoro che attragga le persone migliori, che sviluppi e stimoli in pieno i talenti individuali, che incoraggi la nostra libera e vigorosa collaborazione per il progresso, e che mantenga gli storici principi di integrità e di capacità di fare ciò che è giusto. Dalla riuscita dello sforzo di soddisfare questi impegni ci aspettiamo che i nostri prodotti raggiungano posizioni di preminenza sia per profitti che per quote di mercato e che, come risultato, ne traggano prosperità la nostra azienda, la nostra gente, i nostri azionisti, e la comunità in cui viviamo e lavoriamo.

 

Noi intendiamo sviluppare una eccellente comprensione dei consumatori e delle loro necessità. Questo costituisce il fondamento e lo spunto per sviluppare quei superiori benefici e valori che i consumatori ricercano nei nostri prodotti.

Noi intendiamo sviluppare strategie e programmi capaci di darci quel vantaggio concorrenziale che è necessario per raggiungere i nostri obiettivi gestionali.

Noi intendiamo creare e lanciare prodotti e confezioni in tutte le nostre marche che forniscano un irresistibile vantaggio rispetto alla concorrenza nel garantire ai consumatori benefici superiori che soddisfino completamente le loro esigenze. Per poter fare questo noi intendiamo essere all’avanguardia mondiale nelle relative scienze e tecnologie.

Noi intendiamo ricercare significativi e prolungati vantaggi concorrenziali nella qualità, nei costi e nel servizio dei nostri sistemi integrati di approvvigionamento e di distribuzione in modo da raggiungere i nostri obiettivi di gestione.

Noi intendiamo avere un “marketing” superiore e creativo per tutti i nostri prodotti. Noi intendiamo avere una pubblicità di qualità durevolmente superiore e programmi di promozione caratterizzati dalla loro creatività, efficacia ed efficienza.

Noi intendiamo sviluppare rapporti stretti e reciprocamente produttivi con i nostri clienti ed i nostri fornitori. Noi intendiamo lavorare con questi nostri partners in tutti quei modi che sono vantaggiosi per le aziende di entrambi.

Noi intendiamo promuovere nell’organizzazione la spinta e la determinazione a provare cose nuove. Questo ci permetterà di avere idee migliori operanti sul mercato prima della concorrenza.

Noi intendiamo seguire i principi di “Qualità Totale” onde conseguire continui miglioramenti in tutto ciò che facciamo. Qualunque sia il livello di efficienza e qualità che abbiamo raggiunto oggi, noi sappiamo che possiamo e dobbiamo migliorarlo domani.

 

Noi intendiamo assumere in tutta l’organizzazione, le persone migliori che possiamo reperire senza alcun riguardo alla nazionalità, al sesso o a qualunque altro fattore che non sia la qualità del loro lavoro e delle loro capacità. Noi intendiamo anche promuovere le persone su questa stessa base.

Noi riconosciamo l’importanza vitale della continuità dell’impiego in ragione del suo legame essenziale con la solidità e il successo della nostra azienda.

Noi vogliamo costruire la nostra organizzazione dall’interno. Alle persone che dimostrano capacità e ottengono risultati intendiamo offrire la possibilità di andare avanti nella Società.

Noi intendiamo retribuire i dipendenti in modo equo, ponendo accurata attenzione alla retribuzione di ciascuno. I nostri programmi di benefici aggiuntivi saranno disegnati in modo da fornire ai nostri dipendenti adeguata protezione al tempo del bisogno.

Noi intendiamo incoraggiare e premiare l’innovazione individuale, l’iniziativa personale, l’attitudine a guidare le persone e la propensione a gestire rischi.

Noi intendiamo incoraggiare il lavoro di collaborazione tra diversi Reparti, Divisioni e località geografiche allo scopo di ottenere l’integrazione più efficace delle idee e degli sforzi della nostra gente.

Noi intendiamo portare al massimo lo sviluppo degli individui attraverso l’addestramento e la guida su ciò che stanno facendo bene e su come potrebbero migliorare.

Noi valuteremo i nostri managers sui risultati ottenuti nello sviluppo dei loro subordinati.

Noi intendiamo mantenere e costruire la nostra tradizione che affonda le sue radici nei principi di integrità personale, di fare le cose che sono giuste per il lungo termine, di rispetto per l’individuo e di essere i migliori in tutto ciò che facciamo.

.

Il pilastro portante sul quale è costruita l’azienda è il carattere della gente che fa parte dell’organizzazione e dalla sua gente la società stessa ha sviluppato una solida tradizione di carattere; il successo dell’azienda continuerà a condizione che ognuno di noi faccia del suo meglio per mantenere ed affermare tale tradizione. Essendo la Compagnia costruita sul progresso e sullo sviluppo, è vitale che i suoi dipendenti comprendano come lei sia interessata non solo ai risultati, ma anche al modo in cui questi risultati vengono raggiunti. Questo è fondamentale per noi e non tollereremo mai tentativi miranti, in qualsiasi parte del mondo, ad ottenere risultati con mezzi illegali o scorretti.

 

La politica della Società relativa al possibile conflitto di interessi è basata sul principio secondo cui le decisioni di lavoro di ogni dipendente debbano essere prese salvaguardando innanzi tutto gli interessi dell’azienda. Nel prendere tali decisioni il dipendente non deve essere influenzatola considerazioni personali che potrebbero influire consciamente o inconsciamente sul suo giudizio di quali siano realmente gli interessi della Compagnia.

Un conflitto può verificarsi ove un dipendente abbia un interesse personale, finanziario o di altra natura, in altre organizzazioni che potrebbero trarre profitto:

  • da decisioni prese dal dipendente nello svolgimento delle sue funzioni nell’ambito della Società
  • dal fatto che il dipendente è a conoscenza delle attività e dei programmi futuri dell’azienda

Ci sono varie aree in cui è possibile che il personale incorra in casi di conflitto di interesse:

Investimenti: come regola generale nessun dipendente o suo familiare può possedere partecipazioni azionarie o ottenere comunque redditi da investimenti di capitale presso aziende concorrenti, fornitrici o clienti con cui è in contatto nello svolgimento del suo lavoro. Un investimento di ragionevoli dimensioni in aziende di questo tipo quotate in Borsa o una piccola quota di comproprietà mediante fondo di investimento o deposito fiduciario non rappresenta conflitto di interessi a condizione che ciò non influisca sugli impegni del dipendente nell’interesse dell’azienda.

Attività lavorativa: su tutti i lavoratori dipendenti grava l’obbligo di prestare la propria opera con il massimo impegno e di non esercitare altre attività o interessi economici, anche non direttamente concorrenziali, che distolgano le loro energie e la loro professionalità dai doveri e responsabilità nei confronti dell’azienda quale datrice di lavoro.

Regali: regali da clienti e fornitori devono essere scoraggiati e non devono essere accettati in quanto potrebbero far sorgere legami estranei al rapporto di lavoro.

Assunzione / Attività di familiari: nel caso in cui un dipendente abbia il coniuge o un parente stretto che è dipendente o titolare di una Azienda nostra cliente, fornitrice o concorrente, è opportuno che il dipendente stesso non partecipi a decisioni che riguardano i rapporti tra le due aziende. Il dipendente non deve inoltre discutere con tali persone in merito ad argomenti confidenziali della Società o metter loro a disposizione documenti o altri materiali riservati.

Tutti i casi in cui si configuri la possibilità di un conflitto di interessi dovranno essere discussi con il proprio superiore diretto, che a sua volta li esaminerà con l’Ufficio Legale. Questo argomento deve essere considerato della massima importanza. E’ infatti indispensabile individuare ogni possibilità di conflitto, in modo da proteggere sia il dipendente che la Società.

 

L’impegno dell’azienda nei confronti dei suoi clienti in tutto il mondo va al di là della pura e semplice consegna di prodotti di qualità, secondo quanto pattuito. Questo più vasto impegno trova riscontro in alcuni dei principi basilari della Società, che debbono sempre guidare il comportamento di tutti quei dipendenti che hanno rapporto con le ditte che acquistano da noi. Questi principi sono:

  • noi trattiamo tutti i nostri clienti con lealtà e imparzialità
  • noi trattiamo con i nostri clienti su un piano di parità. Cerchiamo di convincerli ad acquistare i nostri prodotti, e li aiutiamo a rivenderli, secondo i loro migliori interessi. Essi sono liberi di acquistare anche una sola marca o una selezione delle nostre marche, anche nel caso preferiscano non trattare le altre.
  • Noi rifiutiamo di influenzare slealmente le loro decisioni circa gli acquisti e le azioni promozionali di prodotti in concorrenza con i nostri.

 

In ogni Paese in cui l’azienda opera, pretende che la pubblicità e la promozione dei suoi prodotti siano non solo efficaci presso i consumatori, ma anche leali e di buon gusto.

Il principio della correttezza è prioritario: è uno dei principi fondamentali della Società su cui non si può transigere. Insomma, pubblicità menzognera o attività promozionali ambigue non saranno mai giustificabili.

Dato che il “buon gusto” è un fatto essenzialmente soggettivo, si dovrà sempre usare il buon senso onde evitare pubblicità o attività promozionali che possano offendere la sensibilità del consumatore. Tale sensibilità naturalmente cambia col passare del tempo, per cui dovremo stare bene attenti a questi cambiamenti ed essere pronti a prendere le necessarie decisioni.

Buon gusto e lealtà, sia in teoria che in pratica, sono valori imprescindibili a cui i dipendenti dell’azienda non dovranno mai venir meno.

 

I nostri prodotti devono essere innocui per gli esseri umani e per l’ambiente, in condizioni d’uso normali e nelle condizioni d’uso improprio che siano ragionevolmente prevedibili.

Il nostro programma di controllo della sicurezza deve fornire una reale garanzia di sicurezza d’uso per i prodotti che vendiamo.

I nostri programmi devono essere basati sulla sempre maggiore conoscenza scientifica dei nostri prodotti e dei loro componenti, e si dovrà far ricorso al parere dei maggiori esperti in modo che le più recenti evoluzioni scientifiche possano venire applicate alla nostra attività di ricerca ed alle nostre conclusioni circa la sicurezza dei prodotti.

I risultati della nostra ricerca sulla sicurezza che possano contribuire alle conoscenze scientifiche mondiali verranno offerti per la pubblicazione sulle maggiori riviste.

E’ essenziale che la nostra ricerca sulla sicurezza venga condotta attenendosi ad elevati livelli professionali, per assicurare alla Società e al consumatore il più alto grado possibile di sicurezza.

Tutti i dipendenti addetti alla ricerca sulla sicurezza hanno la possibilità di accertarsi che gli esperimenti vengano svolti secondo le procedure scientifiche riconosciute e che ogni eventuale deviazione da tali procedure venga debitamente registrata e giustificata, con tutti i dati e le osservazioni relative.

Il manager e lo scienziato condividono la stessa responsabilità, in modo che tutti i pareri competenti vengano tenuti presenti nella valutazione dei dati sulla sicurezza. Ogni azione tendente a scoraggiare o sopprimere il libero scambio di opinioni dovrà essere evitata.

 

La Società vede i suoi rapporti con i fornitori di materiali e di servizi in tutto il mondo in mdo molto semplice. I fornitori vanno trattati come la Società desidera essere trattata: con onestà, senza discriminazioni e su un piano di parità.

Dato che la stragrande maggioranza degli acquisti dell’azienda viene fatta dal Reparto Acquisti, questo reparto si è dato delle linee di condotta che servono come guida nei rapporti con i fornitori. Queste procedure sono state rese pubbliche all’interno della Società, in modo che gli altri reparti possano a loro volta sviluppare proprie procedure relative ai loro eventuali rapporti diretti con fornitori di materiali e servizi.

Ove un reparto avverta la necessità di un consiglio su come affrontare correttamente i rapporti con un fornitore, esso dovrà consultare il Reparto Acquisti.

Tutti i dipendenti che hanno rapporti, occasionali o frequenti, diretti o indiretti, con fornitori o potenziali fornitori, dovranno far riferimento alle direttive della Società sul conflitto di interessi e ai seguenti criteri:

  • Tutti gli acuisti di materiali e servizi da parte della Società vengono effettuati esclusivamente sulla base della convenienza delle varie offerte che ci vengono proposte
  • Ogni discussione con fornitori o potenziali fornitori dovrà limitarsi alle richieste della Società e ai materiali o servizi offerti da quel fornitore. Qualsiasi riferimento, esplicito o implicito, a contatti presenti o futuri con altri fornitori dovrà essere assolutamente evitato
  • La Società insiste nell’escludere qualsiasi concetto di “scambio” nei rapporti con i suoi fornitori. I materiali e i servizi necessari vengono acquistati solo in funzione della loro qualità e convenienza, così come i nostri prodotti vengono venduti esclusivamente in funzione della loro validità e convenienza
  • I dipendenti che hanno poteri decisionali in materia di acquisti debbono evitare assolutamente di sfruttare anche implicitamente la propria posizione in seno alla Società per sollecitare contributi o collaborazione a organizzazioni di carattere sociale, caritatevole o altro.

 

Nel corso del suo rapporto di lavoro con l’azienda, ogni dipendente lavora su informazioni e materiali di natura riservata. Molte di queste informazioni vengono considerate segreti industriali: la loro protezione è vitale per il futuro successo della Società e, quindi, può essere importante per la salvaguardia del posto di lavoro di tutti i dipendenti.

Chiunque accetti un lavoro presso di noi o presso qualsiasi altra Società assume automaticamente un impegno morale e legale a non divulgare alcuna informazione riservata o “segreto industriale”, anche nel caso in cui il dipendente decidesse in seguito di lasciare la Società.

La magistratura ha già da tempo riconosciuto al datore di lavoro il diritto di proprietà su queste informazioni e, a protezione di questo diritto, ha sancito a chiare lettere il rapporto di riservatezza e di fiducia che esiste tra la Società e i suoi dipendenti.

Analogamente, se un dipendente ha lavorato in precedenza presso un’altra organizzazione, deve ritenersi impegnato a non divulgare informazioni riservate appartenenti al precedente datore di lavoro.

Quando un dipendente ha accesso a informazioni riservate, il modo più semplice, più sicuro e più corretto per evitare il rischio di una divulgazione accidentale è quello di non parlarne con nessuno, altro che con quei dipendenti dell’azienda che hanno necessità di conoscerle per il corretto andamento della Società. Ciò significa anche di evitare di parlarne con i membri della propria famiglia, poiché questo imporrebbe loro l’impegno di non divulgare informazioni di cui forse non comprendono la riservatezza: inoltre, non si può pretendere che essi ricordino cosa non deve essere divulgato.

Tutti i dipendenti devono essere perfettamente a conoscenza delle procedure di riservatezza relative alla protezione di informazioni riservate, e debbono osservarle scrupolosamente.

 

L’azienda svolge le sue operazioni in tutto il mondo in condizioni di alta concorrenzialità. La Società è stata e rimane legata al concetto di leale e vigorosa concorrenza come strumento che dà il maggior contributo al progresso economico e sociale. I risultati fin qui ottenuti dimostrano che la nostra Società prospera in questo regime concorrenziale. In genere le leggi e i regolamenti anti-monopolio codificano una filosofia che viene pienamente condivisa dalla nostra Società.

In ogni occasione noi ci sforziamo di svolgere la nostra attività secondo la lettera e lo spirito delle leggi delle varie nazioni in cui operiamo.

E’ compito di ogni manager assicurarsi che il lavoro relativo alla sua area di responsabilità venga svolto in osservanza delle leggi e di ciò egli sarà ritenuto responsabile. Questo comprende specificatamente le leggi ed i regolamenti anti-monopolio.

Se da una parte queste leggi sono piuttosto specifiche, il lro significato non è però sempre chiaro. Inoltre può accadere che ad una stessa transazione si applichino più leggi anti-monopolio. Di conseguenza, benché i principi legali dell’anti-monopolio riflettano il concetto dell’azienda di un sistema basato sulla leale, vigorosa concorrenza, si raccomanda vivamente che ogni manager faccia ampio ricorso al consiglio del nostro Ufficio Legale per quanto riguarda l’interpretazione e l’applicazione di queste leggi.

Nell’attenervi a questi principi, la vostra azione dovrà essere guidata dai seguenti concetti:

  • E’ politica generale della Società che i suoi dipendenti non abbiano alcun contatto con i nostri concorrenti. Questo ci consente di mantenere la nostra piena indipendenza e libertà d’azione. Qualsiasi vostra attività lavorativa che vi metta in contatto con i concorrenti, riunioni, telefonate o corrispondenza, dovrà essere una eccezione alla politica della Società, autorizzata dal vostro superiore e dall’Ufficio Legale.
  • La Società offre i suoi prodotti ai suoi clienti al prezzo che essa, unilateralmente, ritiene adeguato. I nostri prodotti vengono offerti a tutti i principali clienti sulla base di una stessa politica dei prezzi. I programmi relativi ai prezzi e alle condizioni di vendita dei nostri prodotti non debbono mai essere discussi con la concorrenza.
  • Per una valida concorrenzialità è essenziale poter disporre di precise informazioni sull’andamento del mercato. La Società ricava informazioni relative al mercato e all’attività della concorrenza dai commercianti e da altre fonti pubbliche. Essa non ammette che si ricavino tali informazioni con mezzi quali la corruzione, la frode, il furto e la coercizione.
  • E’ possibile che funzionari governativi, soprattutto in Paesi diversi dagli Stati Uniti, richiedano la vostra presenza a discussioni o riunioni con rappresentanti della concorrenza. Prima di affrontare tali discussioni o riunioni, dovrete ottenere l’approvazione del vostro superiore e dell’Ufficio Legale.

 

Tutti i documenti aziendali relativi alla conduzione della Società debbono essere precisi, onesti e completi, senza riserve o restrizioni di alcun genere. Ciò significa che la precisione di ogni documenti richiede sia una documentazione completa che una valutazione etica.

I dipendenti addetti alla preparazione, valutazione e compilazione dei documenti della Società debbono ricordare che la Società considera della massima importanza l’accuratezza di tali documenti.

Tutti i dipendenti debbono anche tener presente che la Società non ha, ne autorizza, alcun “fondo speciale”, per nessuna ragione. Ciò significa che, senza eccezione, tutte le operazioni contabili della Società debbono essere registrate nei documenti ufficiali e che ogni voce contabile deve essere chiaramente e accuratamente definita.

La Società non ammette pagamenti dissimulati tramite libri contabili di terzi, quali agenti o consulenti.

La Società si aspetta che nell’espletare i loro compiti relativi alla contabilità, così come nell’esercizio di tutte le loro responsabilità, i dipendenti si comportino in modo onesto, obiettivo e leale. Tuttavia poiché la lealtà verso la Società esclude automaticamente la partecipazione cosciente a qualsiasi attività illegale o immorale, non vi sarà mai giustificazione per documenti aziendali deliberatamente falsi o ingannevoli.

 

Le direttive della Società in materia di sovvenzioni a partiti o candidati politici o funzionari pubblici in qualsiasi Paese sono precise e specifiche. Nessun dipendente della Società è autorizzato a fare eccezione alle seguenti regole:

  • I contributi da parte di qualsiasi società a partiti e candidati politici a livello federale sono espressamente vietati negli Stati Uniti dalla legge federale. La legge degli Stati Uniti inoltre proibisce sia alle aziende che ai singoli individui di dare denaro o oggetti di valore a funzionari pubblici stranieri, a partiti politici o a candidati a cariche pubbliche in Paesi stranieri, se l’obiettivo è quello di ottenere dei vantaggi per l’Azienda o per se come individuo. In tutti i casi la nostra azienda obbedisce alla legge.
  • In alcuni stati degli USA e in alcuni Paesi stranieri i contributi a partiti e candidati politici o funzionari pubblici sono in alcune circostanze legali. Tuttavia nemmeno in questi Stati e Paesi i fondi dell’azienda potranno essere usati per tali scopi senza la specifica approvazione del Capo dell’Esecutivo a livello mondiale.
  • Nessun dipendente potrà mai ottenere da parte della Società il rimborso di contributi personali a partiti e candidati politici o funzionari pubblici.

 

Poiché il carattere della Società in ultima analisi altro non è che lo specchio del comportamento della sua gente, ogni dipendente ha la responsabilità personale e costante di assicurarsi, in tutti i rapporti con i clienti, i fornitori, gli altri dipendenti, gli azionisti e il pubblico, che la Società continui a “cercare di fare ciò che è giusto”.

 

Vedi tutti gli articoli della sezione “Lavori passati

Lavoro foto gallery

Lavoro video gallery

Torna alla Home

pellegrinelli@glooke.com

Nato a Mantova il 3 maggio 1964 e diplomato come perito elettrotecnico, inizia la sua prima esperienza lavorativa, nel 1984 come commerciale in una agenzia IBM. Successive esperienze commerciali in P&G (7 anni), Montenegro (1 anno) e Tecnica (4 anni) e poi come amministratore delegato di Intersport Italia (4 anni) e infine di Briko spa (3 anni). Ha pensato e creato due startup web, nel 2007 Galileo, un B2B innovativo per contenuti e funzionalità e nel 2012 Truckpooling, il principale comparatore online per spedire merci. Nel 2002 inizia la sua avventura di imprenditore in provincia di Treviso nel commercio al dettaglio di articoli sportivi e subito dopo, nel 2003 con la vendita online nella quale ha maturato ad oggi più di 14 anni di esperienza. Tra i vari siti e-commerce del suo gruppo il principale è Glooke Marketplace ( https://www.glooke.com ), il centro commerciale online con più di 120.000 prodotti praticamente di tutte le merceologie, incluso l’alimentare. Glooke Marketplace vende in 120 Paesi ed ha identificazione fiscale diretta in UK, DE, FR e ES, oltre ad avere circa 20 account nei principali marketplace a livello mondiale. Esperto di Marketplace, è consulente di Ebay e di Confcommercio per le quali ha seguito il progetto “eBay adotta l’Aquila”. Sempre per eBay e Confcommercio si occupa su base continuativa di formazione ed avvio al business online di aziende.

Sorry, the comment form is closed at this time.